Pizza di Pasqua

Questa ricetta è tramandata di generazione in generazione direttamente dalla tradizione culinaria portondanzese (Anzio) per la festività della Santa Pasqua.

Si tratta della Pizza di Pasqua. A dispetto del nome, è un dolce, da non confondere con il Casatiello o la Torta al formaggio di Viterbo.

Ricordo ancora il giorno in cui le preparava mia nonna, e oggi mia madre, come tutto il palazzo fosse completamente avvolto da quel profumo unico che ogni vero portodanzese non può non riconoscere e senza il quale Pasqua non è Pasqua.

Vi riporto di seguito la ricetta originale completa e corredata dalle foto dei vari stadi della preparazione. E’ una ricetta non facile, ma da provare assolutamente. Buona Pasqua!

Procedimento

Battere le uova intere con tutto lo zucchero. Quindi aggiungere il burro, la margarina, il 1/2 bicchiere di alchermes e quello di rum.
Continuare ad amalgamare il composto, quindi aggiungere la scorza di limone e di arancio.

A questo punto aggiungere al composto metà della farina e il lievito di birra, precedentemente sciolto in un pò di acqua tiepida. Amalgamare per bene.

pizza pasqua dolce

pizza pasqua dolce

pizza pasqua dolce

pizza pasqua dolce

Tritare grossolanamente la cioccolata a pezzetti e aggiungerla all’impasto. Potete farlo con il coltello o aiutandovi con un minipimer.

Quindi aggiungere anche l’uvetta, precedentemente fatta rinvenire in acqua, e l’altra metà della farina.

Finire di impastare bene, quindi dividere in parti uguali il composto in 8 stampi di alluminio precedentemente imburrati. Sono dei testi da forno alti una decina di centimetri e larghi 22/24 cm. Li potete trovare in negozi specializzati di articoli da cucina.

pizza pasqua dolce

pizza pasqua dolce

pizza pasqua dolce

pizza pasqua dolce torta

A questo punto lasciar lievitare fino a che l’impasto in ciascun recipiente non sia raddoppiato, quindi spennellare la superficie con l’uovo sbattuto, prima di infornare a 160° per un un’ora e un quarto circa. Fate attenzione a non far lievitare l’impasto fino al bordo ma almeno un dito sotto, altrimenti nelle prime fasi di cottura potrebbe uscire dal testo prima che si blocchi la lievitazione.

Lasciar raffreddare la pizza prima di toglierla dal contenitore.

Chiudi le pizze in sacchetti di plastica per alimenti e avvolgile poi in carta regalo colorata: sarà un gradito dono per i tuoi amici e parenti.

Tags: , , , , , , , , ,

(Visited 4 times, 1 visits today)
Precedente Fettine di vitello al cartoccio Successivo Biscotti bicolore senza burro