Torta salata di zucca e carciofi

Il piatto che vi voglio svelare oggi è una quiche, ovvero una torta salata. Ormai questa preparazione è entrata a far parte di tutte le cucine italiane, e anche nella mia cucina faccio volentieri esperimenti con diversi ingredienti per trovare sapori nuovi.

La quiche che vi presento oggi ha avuto spunto da un vecchio articolo di Sale&Pepe e poi rivisitazione su rivisitazione sono arrivata alla versione finale…o forse chissà che non la rimetta in discussione? ;)

A voi l’ultimo giudizio! ^_^

 

INGREDIENTI :

1 pacchetto con un rotolo di pasta sfoglia già pronta
200 gr di zucca gialla mantovana cotta al forno
3 carciofi

100 gr di scamorza fresca (oppure formaggio filante tipo galbanino)

2 uova biologiche
1 manciata di parmigiano reggiano fresco

1 presa di sale integrale marino
1 pizzico di pepe macinato sul momento
1 bicchierino di latte se necessario
1 limone
farina quanto basta

 

STRUMENTI NECESSARI

Per la preparazione di questa ricetta avrete bisogno di una teglia per crostata del diametro di 20 cm o tre teglie piccole per crostatine (come ho usato io) del diametro di 8-10 cm. Avrete bisogno inoltre di carta da forno o pellicola riciclabile perchè la quiche non si attacchi alla teglia.

 

PROCEDIMENTO

1 – Per prima cosa pulite i carciofi dalle foglie esterne, più dure, il gambo e la punta. Tutti gli scarti potete tenerli e bollirli per ricavare il sugo e la salsa per un risotto ai carciofi.

2 – Detto questo, tagliate a metà i carciofi ed eliminate il peletto interno. Poi immergeteli in acqua e limone con un cucchiaino di farina per evitare che si ossidino, all’interno di una casseruola.

3 – Prendete ora la casseruola e mettetela sul fornello a fuoco vivo. Portate a bollore e fate cuocere i carciofi per alcuni minuti.

4 – Nel frattempo prendete la vostra zucca mantovana già cotta (nel caso non fosse cotta, basterà che prima di trattare i carciofi spelliate la zucca, la tagliate a cubetti e la mettiate nel forno a 200°C su una teglia ricoperta di carta da forno con un cucchiaino di olio, tre spicchi di aglio e una manciata di pepe) e mettetela nel mixer a frullare fino a che non avrete ottenuto una purea di zucca.

5 – Alla purea di zucca, sempre nel mixer, aggiungete le uova, la scamorza precedentemente tagliata a cubetti piuttosto piccoli, il parmigiano reggiano grattugiato, il bicchierino di latte se vi sembra troppo densa (deve avere l’aspetto del composto delle quiche) il sale e il pepe a seconda dei vostri gusti (a questo proposito, fruttate il tutto una volta, spegnete il mixer, levate il coperchio e assaggiate; poi salate e pepate di conseguenza).

6 – Preparato il composto liquido, prendete la pasta sfoglia e srotolatela. Prendete ora la teglia da 20cm di diametro o le teglie da 10 cm di diametro e rivestitele con la carta da forno.

7 – Adagiate la pasta sfoglia sulle teglie e tagliate via la pasta in eccesso (con cui potete decidere di creare delle decorazioni “a crostata” come ho fatto in un’altra torta salata QUI. Poi bucherellate con una forchetta il fondo della quiche in modo che la pasta sfoglia abbia degli sfiati per il vapore e non si gonfi troppo.

8 – Fatto ciò, prendete i carciofi, asciugateli e posizionateli a “faccia in sù” sulla pasta (ovvero con la parte ricurva verso la pasta e il taglio verso l’alto) e versatevi sopra delicatamente il composto fino quasi a coprirli.

9 – A questo punto la vostra torta salata è pronta e non vi resta che accendere il forno, portarlo alla temperatura di 180°C e infornare la vostra quiche per circa 40 minuti (oppure se avete fatto le piccole teglie per circa 20 minuti) fino a che la pasta non risulterà dorata. Il mio consiglio è di mettere il forno in modalità ventilata in modo che la quiche si cuocia in modo uniforme e non si bruci solo il sopra e la pasta sfoglia rimanga cruda.

10 – Fatela poi raffreddare su una griglia e servitela ai vostri ospiti tiepida o a temperatura ambiente.

Farete un successone! ;)

B.

Tags: , , , , , , , ,

(Visited 5 times, 1 visits today)
Precedente Occhione al forno con pomodorini e patate Successivo Maltagliati di manzo al vino rosso e pancetta affumicata